Archivio

“Parlarne sempre non pensarci mai ” di Manuela Barbarossa

“Parlarne sempre non pensarci mai. Adorno interoprete di Freud

Parlarne sempre non pensarci mai di Manuela Barbarossa

 

Un illuminante  saggio sulla Psicoanalisi di Manuela Barbarossa ,  pubblicato nel Volume “ETICA DELLA FILOSOFIA”, Per una funzione etica della cultura Ed Mimesis, Itinerari Filosofici, Milano 2007 .

Il volume ETICA DELLA FILOSOFIA racchiude gli interventi del Convegno tenutosi all’Università degli Studi in occasione del Centenario della nascita di Adorno.

Foto del Convegno  in Aula Crociera Alta –  Dipartimento di Filosofia –  Università Statale di Milano

thumbnail_20150324_161552

thumbnail_20150324_161656

 

Come scrive nell’introduzione Luciano Frasconi, ideatore e promotore  del Convegno , il centenario  della nascita di Adorno consente una  importante ” riflessione sul pensiero di questo autore, che non ricalchi gli schemi interpretativi della sua opera finora prevalenti. L’obiettivo di fornire una lettura non del tutto usuale ha animato fin da principio i partecipanti al progetto di raccogliere in un volume una serie di interventi, volti a individuare nella filosofia di Adorno alcuni centri di gravità tematico-problematici. Il conseguimento dell’obiettivo in questione appare favorito non da ultimo dalle caratteristiche per così dire hegeliane dei diversi collaboratori, e cioè dalla loro identità nella differenza. Ciò che accomuna gli autori è infatti non solo l’essersi laureati in filosofia all’Università degli Studi di Milano, spesso o per lo più proprio con una tesi su Adorno, ma anche l’aver coltivato nel tempo l’interesse per questo pensatore – un interesse concretatosi in più di una pubblicazione –, pur spostando la loro attenzione o le loro attività culturali in altri ambiti”

Luciano Frasconi 2003

Il volume  contiene Scritti di Theodor W. Adorno, Manuela Barbarossa, Maria Cristina Bartolomei, Elio Franzini, Luciano Frasconi, Giuseppe Laras, Markus Ophälders, Ezio Partesana, Carlo Pettazzi, Michele Salonia, Salvatore Stornaiuolo.

 

Uno sguardo psicoanalitico sulla dislessia di Manuela Barbarossa

thumbnail_WIN_20170608_17_34_17_Pro

Seminario di studio   Milano Via Numa Pompilio 7.

(nella foto Manuela Barbarossa )

La dislessia come espressione di un tentativo di  dire e pensare  tutto contemporaneamente .

La dislessia quale  espressione di una esasperata fretta  ideativa ed emotiva  , dove la parola,   il singolare, prende il posto dell’universale.

Milano, 18 aprile 2017

Un contributo di Giuseppe Castelllini sulla questione dei figli nelle nuove unioni civili

IL PROBLEMA DEI FIGLI NELLE NUOVE UNIONI CIVILI DI Giuseppe Castellini

DIALOGO/INTERVISTA CON PIERO BASSETTI di STEFANO GOLFARI

images

 

 

 

 

Aruspicina 

DIALOGO/INTERVISTA  CON PIERO BASSETTI

DI STEFANO GOLFARI

Intervista di Stefano Golfari a Manuela Barbarossa

INTERVISTA DU STEFANO GOLFARI A MANUELA BARBAROSSA FONDATRICE DELL’ACCADEMIA PRISMA

 

images

 Stefano Golfari, giornalista, blogger, volto noto di TeleLombardia dove conduce trasmissioni di approfondimento politico e culturale intervista Manuela Barbarossa, psicoanalista, fondatrice dell’Accademia di Filosofia PRISMA e autrice di numerosi saggi di psicoanalisi e di filosofia. L’idea è quella di indagare con gli strumenti della psicoanalisi le personalità e le situazioni che si muovono dentro il quadro confuso della Politica italiana nella sua fase attuale.

Pubblicata su       url   ( Clicca su URL )

http://www.progressistilombardi.org/single-post/2017/02/27/Il-%E2%80%9CCaso%E2%80%9D-Renzi-un-premier-sul-lettino     url  (clicca)

 

Pubblicata su Pensierolibero.it

Il “Caso” Renzi. Un Premier sul lettino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La tragedia di Annone Brianza

La tragedia di Annone Brianza di Manuela Barbarossa

Archivio

 Manuela Barbarossa , venerdi 14 aprile ,  in via Numa Pompilio 7 a Milano , ha tenuto una interessante dissertazione ( seminario di formazione ) sulla questione della Dislessia vista da un’ottica affatto nuova, quella psicoanalitica ,  esponendo alcune tesi   permeate da  quell’originalità teorica che la contraddistingue.

La dislessia come espressione di un tentativo di  dire e pensare  tutto contemporaneamente .

La dislessia quale  espressione di una esasperata fretta  ideativa ed emotiva  , dove la parola,   il singolare, prende il posto dell’universale.

Milano, 18 aprile 2017images