Parliamo anche di….

PRESENTATO A MILANO NEL SEMINARIO “LUCI E OMBRE CULTURALI”

LA POLITICA DELLE ALLEANZE    di Manuela Barbarossa

L’approfondimento degli scritti “sociali” della produzione freudiana è uno degli interessi che hanno caratterizzato gli studi di Manuela Barbarossa, la cui formazione filosofico-teoretica le ha permesso di rielaborarali alla luce di nuove categorie interpretative. Ricordiamo  le sue due più importanti pubblicazioni a riguardo, “Coscienza morale e dominio della natura ” e lo scritto antecedente “Masse Gruppi e psicologia fondamentalista” . Avendo avuto un notevole successo, quest’ultimo è stato varie volte citato e ripreso dalla stessa autrice, non in ultimo nella recente intervista fatta dal giornalista Stefano Golfari,  Il “Caso” Renzi. Un Premier sul lettino

A settembre di quest’anno a Pescara , Manuela Barbarossa , ha tenuto un Seminario dove ha illustrato  il  suo saggio  Masse Gruppi e psicologia fondamentalsita  , rielaborazione della scritto freudiano Totem e tabu’. In questa occasione le  è stato domandato   , alla luce delle tesi freudiane e della sua reinterpretazione , cose ne pensasse del concetto di alleanza così diffuso nella nostra politica italiana. La risposta, è stata in seguito   riformulata dall’autrice stessa in questo suo  nuovo scritto illuminante , e come sempre , molto originale. 

thumbnail_thumbnail_thumbnail_20170818_194624

Nella foto Mauela Barbarossa a Pescara , al  Seminario nel mese di settembre di quest’anno   dove è stata esposta  la sua interpretazione del concetto di alleanza , poi sintetizzata nello scritto  sulla politica delle alleanze.

CULTURA E DISINCANTO .

24 marzo 2015 Università degli Studi di Milano

Cultura e disincanto. Ideale e reale oggi. In memoria di Luciano Frasconi

Luciano Frasconi

Copertina di Ideale e reale    Tavola rotonda 

Cultura e disincanto
Ideale e reale oggi
In memoria di Luciano Frasconi

Martedi 24 marzo 2015

Aula Crociera Alta, Cortile Ghiacciaia, ore 16.00.

Via Festa del Perdono, 7, Milano

L’enfasi posta oggi sui valori, in quanto oggetto di una scelta individuale, trascura l’enorme divario tra un rapporto con il valore basato su un’interiorizzazione che rende questo passibile di un’elaborazione simbolico-dinamica, e una assunazione di valori […..] mera variabile di un apprezzamento dell’esistente e dell’esistenza funzionale alla conservazione della vita, o al suo incremento in condizioni sociali date, costituite.
Luciano Frasconi, Ideale e reale, Ed Unicopli, Milano 1999.

Due le parole chiave che hanno attraversato la riflessione di Luciano Frasconi: cultura e valori. Nulla di più attuale. Ancora oggi possiamo partire da esse per cercare di definire la fisonomia del nostro tempo.

 

Programma dell’incontro

 

Saluto del Direttore di Dipartimento di Filosofia, Alessandro Zucchi.

Manuela Barbarossa (Psicoanalista)
Sogno o son desto? L’eccesso di realtà nella cultura del disincanto.

Maria Cristina Bartolomei (Università degli Studi di Milano)
Che cosa possiamo sperare?

Alfredo Civita (Università degli Studi di Milano)
La secolarizzazione della psicoanalisi.

Giuseppe Laras (Università degli Studi di Milano)
Libertà e responsabilità nel pensiero dell’ebraismo.

Markus Ophaelders (Università degli Studi di Verona)
Perché cultura in tempi disincantati?

Coordina Gianfranco Mormino (Università degli Studi di Milano).

 

 

24 marzo 2015