Sul terrorismo mediatico

SUL TERRORISMO MEDIATICO ITALIANO  IN PERIODO DI EMERGENZA SANITARIA. 

Non si comprende perchè si continuino a fornire pubblicamnete ed inutilmente, a scopo evidentemente terroristico dati allarmanti sui contagi da covid 19 quando in Italia i morti stanno diminuendo, molti ospedali hanno i pronti soccorsi liberi, e i posti di terapia intensiva sono tornati disponibili .
Questi dati molto confortanti , non sono diffusi .
Si utilizza lo spettro del contagio che è cosa differente dall’essere malati e dunque bisognosi di cure . Utilizzando sempre strumentalemente immagini negative dei paesi europei che hanno riattivato la vita sociale per altro mai completamente bloccata. Se fossi in lor interverrei legalmente. E si utilizza lo spettro ipotetico di un ritorno dell’emergenza delle strutture saniatarie che ancora e sottolineo ancora non sarebbero in grado di affronatre una seconda ondata di covid 19.
Se così fosse, sarebbe gravissimo poiché a questo punto si dovrebbe commissariere il Governo Italiano che in tutto questo tempo, mentre gli Italiani si sacrificavano per dare tempo al Governo e alla sanità di attrezzarsi , oltre che di curare i malati, cercando di limitarne il numero, non ha attivato nessuna iniziativa politica e sanitaria ad hoc e non ha posto in essere il piano emergenziale dovuto per legge al fine di fornire anche all’Italiìa , paese sprovvisto di strutture sanitarie adeguate a sostenere una situzione di emergenza , ciò che necessitava per attuare un piano emergenziale stesso.
Per altro l’Italia è un paese già terrorizzato e psicologicamente provato anche a causa di una propagnada mediatica terroristica sulla pandamia che ha creato e continua a creare stati di angoscia e di estremo stress , attacchi di panico, depressioni, problematiche di claustrofobia e problematiche di natura traumantica .
Angosce sul futuro, che sappiamo essere a fondamento di atti suicidari.
Ci sono casi di bambini terrorizzati dal virus che hanno paura di morire se solo escono e si rifiutano di farlo. Ci sono casi di adolescenti che hanno sviluppato forme di ipocondria ossessiva.
Chiedo dunque che chi di dovere, di intervenire per fermare questa forma di terrorismo scientifico e mediatico psicologico insensato .
Se la coscienza etica è venuta meno e i valori delle verità , del coraggio e dell’onestà intelletuale sono mortificati, ripegati su loro stessi , si deve ricorrere alla legge.”

Milano  28 aprile 2020